lunedì 3 agosto 2015

Con Oswald Zuegg a raccogliere albicocche

Buongiorno!

Oswald Zuegg
Chi non ha mai avuto, almeno una volta nella vita, un succo Zuegg e una marmellata Zuegg sul tavolo per colazione? O chi non ha mai trovato le mono porzioni in un hotel?
Zuegg è uno dei marchi alimentari che ci portiamo dietro da quando siamo piccoli. Ci sono sportivi, soprattutto ciclisti, che non si muovono senza il mitico Fruttino che ristabilisce il calo di zuccheri da fatica.
Dopo questa premessa davanti alla proposta di trascorrere due giorni a Luogosano, in provincia di Avellino, in visita allo stabilimento Zuegg era impossibile rifiutare. L'Irpinia è il luogo perfetto per il miglior risultato grazie al suo pH neutro/subalcanico e alla quota di 300-400 mt slm.
Il benvenuto è stato caloroso, molto caloroso anche in senso metereologico, e non potevano non essere fatto in uno dei loro campi, precisamente in un campo di albicocche.

venerdì 31 luglio 2015

Caserecce molisane con pesto di piselli e pomodorini pachino

Buongiorno!

Siamo giunti alla fine dei nostri appuntamenti con Pasta La Molisana, almeno per quanto concerne la rubrica che ha avuto inizio esattamente tre mesi fa e ha visto 6 appuntamenti con 5 cuochi diversi che, davanti ad un formato di pasta a sorpresa portato da me, hanno interpretato alla loro maniera scoprendo il gusto della terra del Molise.
Per l'ultimo appuntamento sono ancora io a cucinare e lo faccio per un simpatico pic nic al lago con i bambini.
Non potevo scegliere altro se non una pasta fredda ed un formato corto.
Ed eccomi quindi alle prese con le caserecce molisane, dalla forma sfiziosa che con le sue insenature è perfetta per raccogliere il condimento. Secondo la tradizione potrebbe essere un'interpretazione della pasta busiata di origine araba, ottenuta con la sottile canna di una pianta, il "bus", con cui un tempo si avvolgevano i pezzetti d'impasto.

giovedì 30 luglio 2015

La calamarata La Molisana fichi e prosciutto crudo

Buongiorno!

Per il penultimo appuntamento con "La Molisana a casa tua" sono stata con tre pacchi di pasta nella cucina di Giovanna Hoang e Francesca Riva del blog Crezioni Fusion or Confusion.
Per Francesca la cucina è un nido, il laboratorio e il suo parco giochi. Ama fantasticare, ridere, scrivere e fotografare. La felicità per lei è una tazza di tè caldo in un pomeriggio d’inverno.
Giovanna invece ama guardare il mondo che la circonda con occhi curiosi per cogliere ogni singolo insegnamento che la vita ha da offrirle, giorno dopo giorno.
Due donne diverse, due storie diverse, due tradizioni diverse, due caratteri diversi, due modi di pensare diversi, occhi diversi che guardano il mondo in modo diverso.
Unite senza dubbio però dalla passione per le cose buone, l’amore per le cose belle, la curiosità verso le novità, la voglia di sperimentare abbinamenti anche apparentemente azzardati, la convivialità.
"Friendly Kitchen è il nostro slogan! Perché la cucina per noi vuol dire condivisione, affetto, convivialità, ma soprattutto amicizia".

mercoledì 15 luglio 2015

Expo: Il Padiglione Svizzera

Buongiorno!

Inizio subito dicendovi che è il Padiglione che al momento mi è piaciuto di più.
Nella sua semplicità espositiva esprime il complesso concetto di Paese attrattivo, solidale e responsabile nel campo dell’alimentazione e dello sviluppo sostenibile.
Ne abbiamo già parlato in post precedenti qui  avendo seguito un po' i lavori in corso ed essendo stati sul campo svizzero e non solo per carpirne le anticipazioni.
Il Padiglione svizzero è una grande piattaforma aperta con quattro torri visibili da lontano (che rappresenta il cuore della struttura), riempite di prodotti alimentari quali mele, sale, acqua e caffè. Attraverso gli ascensori e, una volta arrivati in cima, tutti i visitatori possono servirsi di prodotti. Man mano che le torri si svuotano le piattaforme sui cui poggiano si abbassano, modificando la struttura del Padiglione. Il progressivo svuotamento delle torri è registrato in tempo reale e può essere seguito anche sui media sociali.
E' un bellissimo viaggio spunto di riflessione sulla disponibilità degli alimenti nel mondo e sullo sviluppo sostenibile lungo la filiera alimentare, ma soprattutto è un invito a tutti ad assumere un atteggiamento responsabile e fare un consumo intelligente delle risorse. I quattro prodotti selezionati per le torri rappresentano una Svizzera sostenibile, responsabile, innovativa e fedele alle proprie tradizioni. Una volta terminati, i prodotti non verranno rimpiazzati, per quello si richiede sensibilizzazione verso che ne fa consumo. 

lunedì 13 luglio 2015

Chef Stefano Mattara: il gusto del sorriso

Buongiorno!


Da subito, dal primo incontro nella cucina dello Sheraton Milan Malpensa, è scattato un feeling particolare. Persona tranquilla che faceva andar le mani in pasta, non una parola di troppo, ma soprattutto un sorriso sempre pronto allo scatto e non solo. 
Stefano Mattara mi è stato simpatico al primo sguardo e da subito ho voluto spiarlo un po' in cucina e sapere di lui, del suo percorso formativo.
Dopo gli studi alberghieri ad Arona alla De Fipilli, ha lavorato in grandi cucine a Milano come Trussardi con lo chef Andrea Berton (dal quale ha imparato molto e al quale ancora oggi si ispira) e  da Matteo Torretta. Nomi di grande calibro dal quale ha appreso. Nella cucina dello Sheraton è rimasto pochi mesi per poi trovare quella che oggi è la sua strada a Inverigo (CO). "Per imparare a lavorare con tecnica e criterio è bene alternare le palestre, frequentare le cucine raffinate e quelle dei grandi numeri è il miglior modo per imparare a creare un piatto gourmet anche in situazioni sotto pressione" ci spiega Stefano "lo dico sempre ai miei ragazzi".
Da capo partita ad Executive Chef del Ristorante Simposio, un salto con il sorriso.
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...