martedì 19 maggio 2015

Social lunch con La Molisana

Buongiorno!

Io che cucino per foodblogger ed influencer della rete? Non lo avrei mai detto eppure è andata così a casa mia la scorsa settimana.
Una social lunch per dare il via alla rubrica che ci accompagnerà fino a fine luglio in collaborazione con Pasta La Molisana"A tavola con... La Molisana".
Lo scopo del progetto è fondamentalmente far parlare de La Molisana attraverso una degustazione di formati scelti a piacere dal cuoco di turno, far conoscere questa azienda di cui abbiamo già tanto parlato ma non smetteremo di farlo perché, quando si incontra una famiglia che con tenacia e professionalità porta avanti un progetto legato alla tradizione e alla terra, si può solo supportare il lavoro creando un passaparola che ne esalti l'impegno.
La social lunch si può seguire su Twitter, Facebook e Instagram attraverso l'hashtag #PastaLaMolisana e #MoliseCalling.
Per il primo appuntamento io ho scelto le caserecce, le chicche di patate, i tagliolini integrali e i pacchetti reali.
L'intento è quello di testare più formati possibili fra i 104 che La Molisana propone.
Ma veniamo al menù. 
Abbiamo aperto le danze con una frittata alle linguine integrali. La ricetta mi è stata suggerita dallo chef Carlo Molon che, quando gli ho detto che volevo stupire ma con piatti semplici e della tradizione, mi ha subito consigliato la frittata di maccheroni napoletana rivisitata.
Credo sia stato il piatto più apprezzato dai miei ospiti che sono tornati indietro nel passato a quando la mangiavano nelle loro case.
Il secondo piatto preparato è stato un bis di primi: le caserecce con pomodorini, menta, zenzero su letto di mozzarella e le chicche di patate al pomodoro e basilico
Qui mi sono stupita io per l'impiattamento che sono riuscita a fare (piano piano qualcosa imparo dagli chef!).
Il quarto formato l'ho usato per un insolito dolce: pacchetti reali ripieni di ricotta dolce, uvetta alla grappa al cioccolato e polvere di mandarino. Sublime!
L'ottima riuscita è dovuta anche dal fatto che ho usato un olio molisano di alto livello, Azienda Agricola Principe Pignatelli. Producono olio extravergine di oliva classico, DOP, BIO e Monovarietale del Molise. "E' estratto a freddo, ottenuto direttamente dalle olive e unicamente mediante procedimenti meccanici. L’armonico profilo organolettico degli olii, di cui la bassissima acidità è uno degli aspetti peculiari, esprime l’eccellenza dell’Olio Pignatelli sia come condimento che come conservante di prodotti tipici molisani".
Le tre tipologie Classico, Molise D.O.P. e Biologico derivano da varietà autoctone accuratamente selezionate e da uliveti certificati, localizzati nelle aree previste dal disciplinare. Gli Olii Extra Vergine Monovarietali provengono da una particolare selezione delle cultivar autoctone del Molise e di quelle alloctone che nel tempo hanno evidenziato un favorevole acclimatamento.
I piatti sono stati accompagnati da Talento, spumante Brut di Vini La Piotta dell'Oltrepo' Pavese, e da un rosso locale, il Domasino di Cantina Sorsasso (di Domaso, Como).
Altra nota da sottolineare è l'importanza del seguire la cottura controllando bene i minuti indicati sulla confezione. La pasta artigianale ha i suoi tempi e vanni rispettati, io l'ho fatto e i miei piatti erano perfettamente cotti.
Prima di lasciarvi una ricetta sono lieta di annunciarvi che domenica 24 maggio si terrà il secondo appuntamento con la social lunch. Questa volta saremo a pranzo al Terzo Crotto di Cernobbio (CO) in occasione del Fuori Concorso di Eleganza che, dal 22 al 24 maggio, si terrà a Villa D'Este a Cernobbio. Cosa ci preparerà lo chef? Le prenotazioni sono aperte se siete curiosi di scoprirlo.


Se invece avete voglia di rifare la frittata con tagliolini integrali a casa vostra, trovate la ricetta sul blog de La Molisana qui.
Io oggi vi lascio le caserecce, mentre venerdì pubblicherò le chicche alle patate.

Ingredienti (2 persone):
150 gr di caserecce La Molisana
1 grossa mozzarella
Pomodorini
Foglie di menta
Zenzero

Procedimento:
Portare la pasta a cottura in abbondante acqua salata.
Frullare la mozzarella con un po' della sua acqua.
Tagliare le foglioline di menta e i pomodorini.
Mettere la mozzarella sul fondo del piatto. Scolare la pasta e condirla con un filo di olio, la menta e i pomodorini. Adagiarla sul letto di mozzarella e grattugiare lo zenzero prima di servire.

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...