domenica 11 dicembre 2011

La polenta vuncia o uncia


Buongiorno!

L'è mej la pulenta a cà tua che pitanza in cà di olter dicono al mio paese.

"La polenta, cibo simbolo del territorio lariano, è stata per lunghi anni il sostituto del pane; dunque la polenta tradizionale non ha consistenza molle, ma dura. La vera polenta è quella che si prepara con poco meno di quattro litri d’acqua per un chilo di farina di mais: a fine cottura deve risultare consistente, dura (al proposito un proverbio dice Pulenta dura la fa i bun bucun, la polenta dura fa i buoni bocconi), adatta da tagliare a fette. Una simile polenta va preparata con farina di granoturco macinata a grana grossa, lasciata cadere a pioggia nell’acqua bollente correttamente salata (10 g di sale per 1 l d’acqua), va cotta a lungo, per poco meno di un’ora e mescolata in continuazione, affinché non si formino grumi. Un tempo per rimestare la polenta si usava un bastone di nocciolo; una volta cotta, la polenta veniva rovesciata su un tagliere di legno, affettata con un filo tenuto teso da un archetto di flessibile legno di salice e avvolta infine in un tovagliolo affinché restasse calda a lungo. Ora questi riti tradizionali si sono quasi persi, ma la polenta continua a restare un piatto molto gradito che si mangia volentieri quando fa freddo, comunica allegria e aumenta il piacere di stare in compagnia.

Si narra che, fino alla fine del secolo scorso, a Lecco vi erano, nei pressi del lungolago, ove giungevano i barconi carichi di merci e si teneva il mercato, i banchi dei pulentatt, i venditori di polenta, che offrivano ai passanti la possibilità di un pranzo all’aperto a base di polenta e pesce fritto da consumare seduti sotto tendoni che riparavano dalla pioggia o dal sole. Chi preferiva poteva acquistare la razione desiderata e consumarla tranquillamente a casa". (Testo tratto da "Ricette tradizionali lariane"-Demetra)
La polenta uncia è un piatto tipico di casa mia. Nelle fredde domeniche d'inverno, un bel piatto di polenta uncia, accompagnata ad un buon vino rosso, non si rifiutano mai. La trovi in tutti i menù delle baite della zona.
Un piatto, non posso negarlo, molto pesante.

Ingredienti (presa da "Ricette tradizionali lariane" della Demetra):
250 g di farina gialla bramata
250 g di farina di fraina (o grano saraceno che dir si voglia)
poco meno di 2 l d’acqua
1/2 kg di formaggio (tra magro e semigrasso)
200 g di burro
alcuni spicchi d’aglio
sale
Procedimento:
dopo aver cotto una polenta mista di farina gialla e farina di grano saraceno, la si preleva a cucchiaiate dal paiolo (io uso quello elettrico) e la si pone in una teglia alternandola a strati di formaggio sottilmente affettato, e innaffiando infine il tutto con burro fuso insaporito da dorati spicchi d’aglio tagliati a metà. È importante fare attenzione a non lasciar annerire il burro quando lo si scalda. Una volta completata la teglia, la si mette nel forno già caldo, a temperatura media, in modo che il formaggio si sciolga e che si formi sulla polenta una leggera crosta.
In alcune località per insaporire ulteriormente il burro vi si aggiunge qualche foglia di erba salvia.
La pulenta vuncia va servita caldissima in piatti riscaldati.



Con questa ricetta partecipo al contest di Giulia di Love at first bite





21 commenti:

  1. Deve essere una cosa favolosa, quanto vorrei affondare il cucchiaio:)))

    RispondiElimina
  2. Oddio mi fa venire l'acquolina in bocca questa polenta!!! :P Baci e buona Festa dell'Immacolata!

    RispondiElimina
  3. ossignur Alè.. è da sbavo! Nons apevo si potessero mischiare queste due farine.. mis a che proverò! Intanto mi piace sta rcietta.. strati di polenta alternati al formaggio e poi in forno!!!! Brava! se magnaaaaa..
    ps: hai fatto l'albero?
    baci e buona giornata :-)

    RispondiElimina
  4. splendida, filante...incredibile

    RispondiElimina
  5. Ma chi se ne importa se e' un piatto pesante! Deve essere delizioso!

    RispondiElimina
  6. dalle mie parti non si usa la polenta ,ma quando l'ho provata la prima volta ho pensato che era deliziosa e così mi ritrovo spesso ad usarla .. ai miei figli piace moltissimo !!

    RispondiElimina
  7. Grazie a tutte... Oggi latito un po'.
    @Claudia...albero fatto...bacio

    RispondiElimina
  8. Me la immagino fumante!!1
    Sarà sicuramente ottima!
    ciao loredana

    RispondiElimina
  9. Ciao Loredana, tutto bene? Bacio

    RispondiElimina
  10. Deve essere una delizia!Calda e fumante con un gusto a dir poco squisito!!!

    RispondiElimina
  11. Ciao Ale! nel mio blog ho proposto una raccolta, "Natale ... e dintorni". Ti va di partecipare con le tue ricette? mi farebbe molto piacere. Ecco il link: http://lacucinadilisa.blogspot.com/2011/12/natale-e-dintorni.html
    Grazie!

    RispondiElimina
  12. Un piatto delizioso! Io non uso molto la polenta ma questa ricetta me la segno. Buona domenica, Laura

    RispondiElimina
  13. Buongiorno e buona domenica!
    Lisa passo da te a vedere

    RispondiElimina
  14. Un post molto interessante, soprattutto per una come me che dopo più di vent'anni trascorsi al Nord non ha ancora imparato a fare una polenta decente! :-D A mangiarla, però, ci riesco benissimo...;-)

    RispondiElimina
  15. Ciao Ale! Da noi questa si chiama "Polenta Concia" ma la zuppa è la stessa! L'adoro! e' buonissima! Un piatto povero che ti scalda il cuore! Brava! Bacione e buona serata!

    RispondiElimina
  16. Ale cara!! che bontà questa ricetta! che dici di partecipare al mio contest? bacioni http://blog.giallozafferano.it/loveatfirstbite/il-mio-primo-contest-una-polvere-doro-che-diventa-3/

    RispondiElimina
  17. Giulia...corro...grazie
    @Kiara si si la zuppa è quella =)
    @Lucia potresti iniziare da questa =)

    RispondiElimina
  18. buona ale!!! l'ho inserita! good luck :-)

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...