venerdì 20 aprile 2012

Strascinate con le cime di rapa cucinate da...

Foto DFOOD
Buongiorno!

Oggi non cucino io, a dire il vero non l'ho fatto nemmeno ieri, oggi ospito la ricetta di Francesco Lippolis del ristorante La Cantina di Alberobello. Un grande piatto tipico della Puglia che ci viene introdotto da Cristina Vannuzzi Landini.
"Il ristorante, a conduzione familiare, è situato in un piccolo locale adibito in passato a cantina di un palazzo del 1800 costruito dall'architetto Curri, non a caso il nome “La CANTINA” situato nella zona centrale della splendida Alberobello, famosa in tutto il mondo (patrimonio mondiale Unesco).
L’interno, caratterizzato dal tipico stile a conversa, richiama la tipologia costruttiva dei trulli, la cucina è la tipica e caratteristica cucina pugliese, povera, semplice e genuina, di terra dove gli ingredienti sono finalizzati ad esaltare e a non alterare i sapori e di mare: il magnifico pesce pugliese il cui sapore caratterizzato dalla particolare pastura che si rinviene lungo le sue coste, e dalle polle di acqua dolce che si scaricano in mare, e che servono ad attutire il salmastro, ma non ad alterarne il profumo. Francesco Lippolis, lo chef patron, usa principalmente prodotti del territorio, recepiti direttamente da DFOOD, come le strascinate, formato tipico della murgia che ha un elevata resa organolettica e degli ottimi valori nutrizionali.
Dice Lippolis che “le strascinate con le cime di rape rappresentano uno dei piatti poveri della tradizione contadina pugliese, quindi portata principale se non unica di un pranzo che doveva garantire un giusto apporto calorico. Questo per spiegare la presenza del pane grattugiato, che anche quanto diventava duro veniva sempre consumato, nel caso specifico sostituiva il formaggio.”

Di seguito le istruzioni per cucinare questo gustoso piatto.

Ingredienti per 4 persone:
strascinate gr 320 DFOOD
cime di rape gr 400
olio di extravergine di oliva 60 gr
spicchio d’aglio 1
filetti di acciughe 2
pane grattugiato 20 gr

Preparazione:
In un pentolino mettere 10 gr di olio extravergine di oliva e il pane grattugiato che assorbirà l’olio, farlo tostare per qualche minuto amalgamando con un cucchiaio.Cuocere le strascinate in abbondante acqua bollente e salata, a metà cottura aggiungere le cime di rape e ultimare la cottura. Per non sbagliare i tempi di cottura si possono cuocere nella stessa acqua prima le cime di rape e successivamente le strascinate in questo caso è necessario salare meno l’acqua.
A cottura ultimata scolare la pasta e versala in una coppa ,cospargere il pane grattugiato preparato in precedenza. A parte in un pentolino versare la rimanente parte di olio, l’aglio secondo i gusti schiacciato o a fettine sottili e i filetti di acciughe, una volta imbiondito l’aglio versare il tutto sulla pasta, amalgamare ed è pronto da portare in tavola.



Il Vescovo di Terre di San Vito
In abbinamento a questo piatto è consigliato Il Vescovo di Terre di San Vito: un vino rosso della Puglia che grazie al blend di Malbec e Cabernet Sauvignon è molto interessante e gratificante.
La produzione è caratterizzata dal Malbec, vitigno di pregio, dalle grandi potenzialità.
Il Malbec è una varietà rossa originaria della Francia, dove è ancora coltivato in piccola parte nel Bordeaux, ma è in Argentina che questo vitigno ha trovato una sua dimensione, diventando una delle varietà più rinomate al mondo per la produzione di vini di grande qualità e longevità.
Il nostro vino è il risultato di questo prezioso frutto; è un rosso intenso già nel colore, ricco di tannini e sostanze aromatiche; ciò è anche dovuto al particolare sistema di coltivazione che non prevede alcun impianto di irrigazione (sistema di coltivazione asciutto). Grazie alla poca acqua, la pianta sviluppa pochi grappoli dall'alta concentrazione di minerali; solo i grappoli migliori verranno utilizzati per la vendemmia.
Terre di San Vito
Sede organizzativa: Via Sparano, 115 • 70121 Bari • Italy
Sede di produzione: Contrada Rascinuso • 70044 Polignano a Mare BARI • Italy
Tel. (+39) 080.524.70.42 • FAX (+39) 080.219.95.61 •
email: info@terredisanvito.it

LA CANTINA DI ALBEROBELLO
Vico Lippolis, 8 (angolo C.so Vitt. Emanuele)
Tel. Fax. 080 4323473
info@ilristorantelacantina.it
francescolippolis@ilristorantelacantina.it

9 commenti:

  1. che deliziosità Ale!!!
    io c'avrei messo anche un peperoncino fresco...mmmmm...

    RispondiElimina
  2. Che spettacolo.. li conosco bene.. dopo 11 anni stata con uno di origini pugliesi eheheheeh!!!!!! Alberobello è magnifico.. ci son stata.. c'è un'atmosfera così magica con quei Trulli.. Semmai ci tornassi.. un saltino a "La cantina" sarà da fare!!!! smackkkk

    RispondiElimina
  3. Tra i miei piatti preferiti! :D

    RispondiElimina
  4. questa pasta la adoro!!!!! baci ale!

    RispondiElimina
  5. mi strapiace questa pasta!!Bacini

    RispondiElimina
  6. Apprezzare questo piatto per me è giocare in casa!

    RispondiElimina
  7. ben fatto Ale! e dire che ci sono stata due anni fa e da brava celiaca guardavo e non mangiavo :-(( ciauuu :-D

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...