giovedì 29 dicembre 2011

Lenticchie veloci e....un po' diverse


Buongiorno!

Oggi un altro piatto idea per il cenone.
Scommetto che, sulle vostre tavole, non mancheranno le lenticchie di mezzanotte. Io oggi ho deciso il menù con gli amici e...non le hanno nominate...strano...sarà stata una dimenticanza.
Comunque vi consiglio questa versione molto veloce e leggera.
Come si suol dire...non è farina del mio sacco...la ricetta è della Melandri Gaudenzio.
Ma prima qualche nozione presa qui (e riportata integralmente).


La lenticchia è una specie vegetale appartenente al genere Lens. Viene chiamata anche lente oppure carne dei poveri. È, secondo alcune fonti, il più antico tipo di legume coltivato; veniva infatti utilizzato già dagli antichi egizi e viene citato anche nella Bibbia. I frutti della lenticchia sono baccelli contenenti due o tre semi rotondi di forma appiattita. Le diverse varietà di lenticchia si differenziano per la dimensione dei semi che possono misurare dai 2 a 9 millimetri.
La Lens esculenta è probabilmente la specie più nota ed è quella da cui si ricavano i semi che si trovano nelle nostre tavole.
La coltivazione delle lenticchie avviene in primavera, mentre la raccolta viene fatta nei mesi di giugno e luglio. Le piante vengono essiccate al sole e poi, dopo qualche giorno, si procede con la battitura e la successiva raccolta dei semi.
Le varietà italiane sono molto pregiate; fra le più note ricordiamo le lenticchie di Castelluccio di Norcia (DOP), le lenticchie verdi di Altamura, le lenticchie di Villalba, le lenticchie di Colfiorito, le lenticchie del Fucino e le lenticchie di Mormanno. In Italia le coltivazioni si trovano soprattutto in Abruzzo, in Campania, nel Lazio e in Umbria.
Le lenticchie sono un alimento glicidico-proteico, sono prive di colesterolo, contengono discrete quantità di minerali tra i quali il calcio e il potassio e una buona quantità di fibre. Possono essere usate per confezionare piatti privi di glutine.
Le lenticchie sono un alimento molto versatile e si prestano alla preparazione di varie pietanze, dagli antipasti, alle zuppe, ai contorni. Il piatto sicuramente più noto è il celeberrimo zampone con lenticchie. Per facilitarne la cottura è consigliabile un ammollo preventivo di alcune ore (da 4 a 12) in acqua addizionata di bicarbonato di sodio (un cucchiaio da cucina per ogni litro d'acqua usato). Si consideri però che l'ammollo causa una perdita di alcune delle loro proprietà nutritive. Eventualmente, se non si è potuto, o voluto, tenerle in ammollo, si potrà aggiungere un cucchiaio di bicarbonato di sodio all'acqua destinata alla cottura


Ingredienti:
250 gr di lenticchie piccole Melandri Gaudenzio
per il condimento:
olio, limone, aceto balsamico, sale, pepe

Procedimento:
dopo aver lasciato le lenticchie in ammollo tutta la notte, le ho lessate in pentola a pressione per 10 minuti. Le ho scolate e condite con l'emulsione di olio, limone, aceto balsamico, sale e pepe.

Le ho accompagnate ad un cotechino precotto (in soli 20 minuti di cottura...il gioco è fatto).

Cosa ve ne pare??????

P.S. Oggi ho pure iniziato a preparare i segnaposti...non vedo l'ora di mostrarveli.

22 commenti:

  1. Buonisimo anche così!!!! io ho la ricetta che faccio da anni.. anni.. ed anni (detta così sembro na vecchiazza hihihihi).. e lo farò proprio stasera il cotechino con lenticchie.. Intanto prendo una cucchiaiata del tuo! bacioni .-)

    RispondiElimina
  2. non vedo l'ora di vederli i segnaposto :-)))) carina anche questa versione e forse più adatta per me che non amo particolarmente le lenticchie! baci

    RispondiElimina
  3. Mi piace molto questa versione della ricetta, domani la provo. Buon 2012, un abbraccio Daniela.

    RispondiElimina
  4. grazie care...in questa versione via alloro via tutto =) bacio

    RispondiElimina
  5. pure io le ho fatte, devo ancora postare la ricetta, lo farò domani.
    Buon 2012 :P :P

    RispondiElimina
  6. Buon anno anche a te Mira e...buone lenticchie

    RispondiElimina
  7. ... e certo che non possono mancare, cara mia! se portano fortuna mangiamone a volontà!!! baci e buon anno!

    RispondiElimina
  8. Ciao Sere...portano fortuna e soldi...dicono....bacio

    RispondiElimina
  9. grazie per la nuova versione delle lenticchie!!!

    RispondiElimina
  10. Ciao! Ti ho trovata per caso... e il tuo blog mi ha affascinato! Bello davvero... poi questa ricettina stra veloce delle lenticchie mi stuzzica... la mia è molto più lunga e meno light! AHAHHA
    PS:ora ti seguo!

    RispondiElimina
  11. Ciao Lucia piacere di conoscerti...grazie della visita e dei complimenti, questa ricetta risulta davvero light =) un abbraccio e passa quando vuoi

    RispondiElimina
  12. ciao cara! noi le lenticchie le prepariamo il primo dell'anno con il classico zampone, mi piace l'aceto balsamico, questa tua versione dev'essere saporita! io non li cuocio nella pentola a pressione, ho il terrore che si possa tappare la valvola, ad ogni modo terrò presente il tuo condimento! mi piace! :) tanti auguri di buon anno!

    RispondiElimina
  13. Ma sai che sto pensando da questo pomeriggio a una proposta carina e innovativa per il solito cotechino e lenticchie? Questa potrebbe essere papabile, grazie!

    RispondiElimina
  14. Splendida versione, grazie Ale, adoro le lenticchie!!!!!

    RispondiElimina
  15. Amo le lenticchie ma non le ho mai condite così. Da assaggiare!
    Buon 2012 sereno e gioioso con un abbraccio!

    RispondiElimina
  16. quanto mi piacciono le lenticchie!!! Quest'anno non le ho ancora fatte... è ora! Tanti cari auguri di buona fine e buon inizio. Ciao

    RispondiElimina
  17. mi piace questa versione, potrei provarla proprio la sera del 31. Grazie Ale, tantissimi auguri di buon anno. Un bacio grande.

    RispondiElimina
  18. Buon Capodanno a tutti e tutte :-).

    RispondiElimina
  19. Un abbraccio forte a Cri, Fausta, Dana, Serena, Vicky e Speedy =) grazie a tutte della visita e....buon annooooo

    RispondiElimina
  20. @Calogero buon anno anche a te! Grazie

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...