mercoledì 21 marzo 2012

Bocconcini di vitello alle noci e salvia



Buongiorno!

Qualche giorno fa, al corso di degustazione birre, mi sono illuminata.
Ho capito che se io fossi da bere sarei una lambic: l'anello mancante fra la birra ed il vino.
Se non fosse che la lambic è caratterizzata da un'acidità avvertibile al palato, ed io non sono acida, potrebbe benissimo rappresentare la mia personalità che si divide fra birra e vino e che da entrambe prende qualcosa.
Lo sportivo ed il raffinato, il semplice ed il ricercato, il panino e lo spezzatino, il jeans ed il tacco 12. Yes, I am!

Vi riporto un capitoletto tratto da "La prima sorsata di birra e altri piccoli piaceri della vita" di Philippe Delerm. Non voglio per forza avvicinarvi alla birra, mi piace solo farvi conoscere e provare alcune sensazioni.
"La prima sorsata di birra...è l'unica che conta. Le altre, sempre più lunghe, sempre più insignificanti, danno solo un appesantimento tiepido, un'abbondanza sprecata. L'ultima, forse, riacquista, con la delusione di finire, una parvenza di potere.
Ma la prima sorsata! Comincia ben prima di averla inghiottita. Già sulle labbra, un oro spumeggiante, frescura amplificata dalla schiuma, poi lentamente sul palato beatitudine velata di amarezza. Come sembra lunga, la prima sorsata. La beviamo subito, con un'avidità falsamente istintiva. Di fatto, tutto sta scritto:la quantità, né troppa né poca che è l'avvio ideale; il benessere immediato sottolineato da un sospiro, uno schioccar della lingua, o un silenzio altrettanto eloquente; la sensazione ingannevole di un piacere che sboccia all'infinito...Intanto, già lo sappiamo. Abbiamo preso il meglio. Riappoggiamo il bicchiere, lo allontaniamo un po' sul sottobicchiere di materiale assorbente. Assaporiamo il colore, finto miele, sole freddo. Con tutto un rituale di circospezione e di attesa, vorremmo dominare il miracolo appena avvenuto e già svanito. Leggiamo soddisfatti sulla parete di vetro il nome esatto della birra che avevamo chiesto. Ma contenente e contenuto possono interrogarsi, rispondersi tra loro, niente si riprodurrà più. Ci piacerebbe conservare il segreto dell'oro puro e racchiuderlo in formule. Invece, davanti al tavolino bianco chiazzato di sole, l'alchimista geloso salva solo le apparenze e beve sempre più birra con sempre meno gioia. E' un piacere amaro: si beve per dimenticare la prima sorsata."

Ed ora la ricetta, oggi cottura lenta. Ho trovato questa ricetta di bocconcini di vitello con noci e salvia cotti nel latte e...ho tolto il latte ed ho messo la birra, ovviamente.

Ingredienti (per 3 persone):
1 kg di bocconcini di vitello
farina
noci spezzettate grossolanamente
foglie di salvia tritate
sale
pepe nero
olio evo Dante
1 bottiglia grande di birra

Procedimento:
Infarinare i bocconcini di vitello.
Aggiungere sale, pepe, le noci spezzettate, le foglie di salvia tritate e massaggiare bene la carne.
Far rosolare la carne qualche minuto in una casseruola alta con un po' di olio finchè non sarà dorata.
Aggiungere la birra fino a coprire tutta la carne e lasciar cuocere a fuoco lento per un'oretta, mescolando ogni tanto.


Con questa ricetta partecipo al contest di Paneepomodoro e Photobirra


22 commenti:

  1. Li hai insaporiti in modo davvero sfizioso.. salvia e noci, possibile che io abbia già voglia di questo piatto ora?!?!' brava!

    RispondiElimina
  2. Un secondo davvero molto gustoso!! Quella salsina deve essere squisita!! Un bacione...

    RispondiElimina
  3. Buonissimi porcaccia miseria!! Se avessi fotografato lo schifo che ho fatto venerdì scorso.. ci sarebbe stato da ridere! Ero partita con questa bella ricetta da te suggerita.. e poi vuoi la stanchezza e pigrizia.. ho fatto un casino tale da creare un pappone immangiabile.. ahahaah Belli i tuoi.. li rifarò senz'altro.. mi son rimasti qua!!! smackkkk a dopo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...devi rifarla...vedrai che andrà meglio! bacione

      Elimina
  4. mmmmm mi intriga molto questo secondo :-)

    RispondiElimina
  5. deve essere davvero squisito questo piatto! sempre molto interessanti i tuoi abbinamenti. buona giornata!

    RispondiElimina
  6. quella cremina mi fa impazzire...

    RispondiElimina
  7. ciao ti è venuta una signora cremina!!! ottimo il piatto!!
    buona prima giornata di primavera

    RispondiElimina
  8. Yin e Yan in pratica! Grazie ancora per le tue numerose partecipazioni al mio contest, e... mancano ancora dieci giorni alla scadenza per cui non vedo perchè questa deve essere l'ultima!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...in pratica...sì =) mi sa che non ce la farò sai...ma chissà...

      Elimina
  9. Davvero un bel piatto, mi segno la tua ricetta!

    RispondiElimina
  10. Che carino il corso di degustazione delle birre! Io non bevo birra, però trovo che usata nelle ricette sia fantastica!!!!

    RispondiElimina
  11. buonissimi io adoro i bocconcini di vitello! ormai birra e vino sono dovunque :)

    RispondiElimina
  12. nuuuuuuuuuuuuuuuuu ero cosi contenta di non leggere alcool e poiiiiii ...vai a tradimento!ottimo modo però :) i like! bacione

    RispondiElimina
  13. Saporiti saporitiiiiiiiiiiiiiiii.....un sughetto mmmm bacioniiiiiii

    RispondiElimina
  14. ti lascio un saluto veloce e scappo, mi fa troppo male vdere questi pitti ultimamente.... maledetta bilancia, si è rotta e non scende più :(
    Complimenti lambic, un piatto molto appetitoso. Kiss

    RispondiElimina
  15. Ciao, volevo invitarti alla mia raccolta di dolci che si preparano in tutto il mondo per il periodo pasquale. Mi piacerebbe tanto vederti tra le partecipanti :)

    a presto

    http://fairieskitchen.blogspot.it/2012/03/tutta-la-dolce-pasqua-del-mondo-il-mio.html

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...