mercoledì 29 febbraio 2012

Frutta cotta al Calvados



Buongiorno!

Il Calvados è un brandy di mela che prende il nome proprio da Calvados, una zona della Bassa Normandia.

Vi fornisco alcune nozioni sulla storia, la produzione e la degustazione prese direttamente da qui.
I distillatori di mele sono citati fin dal VIII secolo da Carlo Magno. La prima distillazione normanda nota fu compiuta dal gentiluomo Gilles de Gouberville nel 1554, e la corporazione della distillazione del sidro fu creata circa 50 anni dopo, nel 1606.
Nel XVII secolo le tradizionali distillerie di sidro si espansero, ma tasse e divieti sui brandy di sidro furono imposti ovunque, al di fuori di Bretagna,Maine e Normandia. La zona chiamata ‘Calvados’ fu creata dopo la Rivoluzione francese, ma l'Eau de vie de cidre (acquavite di sidro) era già comunemente chiamata Calvados. Nel XIX secolo la produzione aumentò grazie alla distillazione industriale e alla moda diffusa tra gli operai del Café-calva. Quando una epidemia di filossera devastò i vigneti, per il calvados fu l'età dell'oro. Durante la Seconda guerra mondiale l'acquavite di sidro era fornita ai soldati.
Le disposizioni in materia di appellation contrôlée (denominazione controllata) diedero ufficialmente al calvados lo status di nome protetto nel 1942.
Il frutto è colto e spremuto per produrre un succo che fermentando diventa un sidro secco. Viene dunque distillato e diviene acquavite. Dopo almeno due anni di invecchiamento in barili di quercia, può essere venduto come Calvados. Più tempo invecchia, più diventa gradevole. Solitamente la maturazione dura diversi anni.
Il Calvados è la base del tradizionale trou Normand, cioè "il buco normando". Questo è costituito da un sorso di Calvados preso tra le varie portate di un lungo pasto, a volte con un sorbetto di mela, che si pensa risvegli l'appetito. Il Calvados può essere servito come aperitivo, in cocktail, tra i pasti, come digestivo o con il caffè. Un buon calvados dovrebbe naturalmente mantenere il gusto delle mele e delle pere, bilanciato dagli aromi e dall'invecchiamento. Si nota facilmente che il calvados più giovane ha un più forte gusto di mela e di pera. Più a lungo il calvados è rimasto a contatto con il legno di quercia, più il suo gusto somiglia a quello di ogni altro brandy invecchiato. Il calvados più vecchio assume un colore dorato, marrone con riflessi arancioni e rosso mogano.


Io l'ho utilizzato per preparare una frutta cotta un po' diversa da gustare a fine pasto.

Ingredienti (per 6 coppette):
1 banana
1 limone non trattato
1 arancia non trattata
1 mela
1 pera
12 prugne
2 cucchiai di uva sultanina
1 bicchiere di Calvados
acqua
zucchero di canna
gelato alla vaniglia (o cioccolato)
trito di mandorle

Procedimento:
mettere tutta la frutta tagliata a pezzi in un pentolino con poca acqua, lo zucchero ed il bicchiere di Calvados. Lasciare cuocere per 15 minuti, mescolando di tanto in tanto.
Servire in coppette con una pallina di gelato e guarnire con le mandorle tritate.


21 commenti:

  1. quando vengo qua mi piace leggere tutto perch' questo è un blog.book..bravissima

    RispondiElimina
  2. mi piace tantissimo quando ci racconti così dettagliatamente, ci dai tutte queste dritte ed informazioni: bravissima!! e golosa questa frutta..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. l'intento è proprio quello di portare un po' di informazione generale...sono felice venga apprezzato!

      Elimina
  3. ma che idea originale...poi semplice e d'effetto!!

    RispondiElimina
  4. Mi prendo una coppetta...brava Ale ciao Giovanni

    RispondiElimina
  5. Allora la frutta cotta a me piace un sacco.. solitamente la cuocio nel vino o rosso.. o bianco a seconda della frutta.. ma questo Calvados.. deve essere una vera delizia.. Brava Amica mia :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche con il vino rosso non male eh....bacio

      Elimina
  6. Col Calvados, altro che frutta cotta, hai preparato un delizioso dessert! ^-^
    Baci

    RispondiElimina
  7. quanto adoro la frutta in questa maniera! ma sentito però il calvados! sicuramente delizios :) bacio

    RispondiElimina
  8. sei bravissima.....complimenti da provare.........

    RispondiElimina
  9. Adoro la frutta cotta e approvo in pieno l'uso del calvados, mi sembra di sentirne il profumo...

    RispondiElimina
  10. Interessante dolce e storia!

    RispondiElimina
  11. Una volta la frutta cotta era sinonimo di "non sto bene"! Questa tua versione è un dessert prelibato!

    RispondiElimina
  12. informazioni molto interessanti e ricetta da leccarsi i baffi !

    RispondiElimina
  13. Se il Calvados sta ottimamente nel sorbetto alla mela verde, non oso immaginare l'altra frutta!

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...