sabato 2 aprile 2011

Misultitt

Ul vin al fa sang, l'acqua fa tremà i gamb
detto comasco


E' iniziato il week end!!!! Il sole splende alto in cielo, la temperatura è straordinariamente pre estiva, la mente si rilassa....il piacere sfoga le sue voglie. E come iniziare se non con una cenetta in famiglia? Ieri sera ho bloccato i miei genitori e mi sono autoinvitata a cena.....come cucina i misultitt mio papà...non li cucina nessuno.
I missoltini sono gli agoni pescati in primavera, eviscerati ed esposti all'aria su fili appesi a strutture triangolari in modo che essichino per il vento e il sole, poi salati e pressati in barili di legno o latta in moda da poterli conservare a lungo. Questi barili sono chiusi con coperti sui quali si mettono dei pesi, in modo che i pesci, pressati, emettano un olio che li fa conservare.

Si presentano così


A casa mia si fanno così

Ingredienti:
Missoltini
aceto
olio

Procedimento:
Riscaldare i missoltini su una griglia sopra fuoco lento (sarebbe meglio prestare attenzione e inclinare la griglia per far defluire il loro olio e non farli cuocere dentro). Lasciarli solo il tempo necessario a riscaldarli per non farli diventare legnosi.
Appena tolti dalla griglia spruzzarli di aceto e olio e lasciarli riposare e insaporire
L'accompagnamento ideale dei missoltini è un piatto di polenta ben calda che ne ammorbidisce il sapore deciso.

Buonissimi!!
Il week end è ricco di appuntamenti culinari...seguitemi e saprete cosa ho mangiato :-)

3 commenti:

  1. e bravo al papà che ti ha fatto scoprire sta ricetta. io non la conoscevo ma ora...
    Dolce notte angela

    RispondiElimina
  2. Grazie per la visita, aspetto la ricetta! Bacioni

    RispondiElimina
  3. grazie della tua visita e commento! ma certo che mi puoi copiare! se no a che serve un blog di cucina?

    benvenuta!
    a presto!

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...